La migliore guida agli indicatori di ritardo

4.3 su 5 stelle (4 voti)

Indicatori di ritardo sono strumenti essenziali nell'analisi economica e finanziaria, che forniscono approfondimenti sull'economia e sui mercati finanziari dopo che i cambiamenti si sono già verificati. Riflettendo sulle attività e sulle performance passate, questi indicatori, come il tasso di disoccupazione, la crescita del PIL e gli utili aziendali, aiutano a confermare le tendenze e a informare le decisioni future. Questo articolo mira a offrire una guida completa per comprendere gli indicatori ritardati. Iniziamo

Cosa sono gli indicatori ritardati

💡 Punti chiave

  1. Gli indicatori ritardati forniscono informazioni retrospettive: A differenza degli strumenti predittivi, gli indicatori ritardati offrono preziose informazioni sulle tendenze economiche e finanziarie dopo che si sono verificate. Questa prospettiva retrospettiva è essenziale per confermare i risultati delle attività e delle decisioni passate, rendendo gli indicatori ritardati fondamentali per valutare la salute economica e le prestazioni aziendali.
  2. L'integrazione con altri indicatori migliora l'analisi: La combinazione di indicatori ritardati con indicatori anticipatori e coincidenti crea un quadro analitico completo. Questa integrazione consente una solida comprensione delle condizioni economiche e di mercato, consentendo alle parti interessate di confermare le tendenze, valutare l’efficacia delle azioni passate e prendere decisioni informate sul futuro.
  3. La consapevolezza dei limiti è fondamentale: Sebbene gli indicatori ritardati siano strumenti preziosi, è importante riconoscerne i limiti, compreso il potenziale di bias del senno di poi, l'impatto di fattori esterni imprevisti e la necessità di una raccolta e interpretazione accurata dei dati. Riconoscere queste limitazioni garantisce un'analisi più accurata e affidabile.
  4. L'applicazione strategica informa le decisioni future: L’applicazione strategica degli indicatori ritardati può guidare le future politiche economiche, strategie di investimento e pianificazione aziendale. Comprendendo e imparando dal passato, i decisori possono affrontare le sfide e le opportunità future con maggiore sicurezza e precisione.
  5. Il coinvolgimento e l’apprendimento continui sono fondamentali: il panorama finanziario ed economico è in continua evoluzione, rendendo essenziale per le parti interessate rimanere coinvolte e informate. Utilizzare e interpretare attivamente gli indicatori ritardati, rimanendo al passo con le nuove tecniche di analisi e gli sviluppi del mercato, consente agli individui e alle organizzazioni di fare scelte più informate.

Tuttavia, la magia sta nei dettagli! Svela le sfumature importanti nelle sezioni seguenti... Oppure, salta direttamente al nostro Domande frequenti ricche di approfondimenti!

1. Panoramica dell'indicatore di ritardo

1.1. Cosa sono gli indicatori?

Nel complesso campo della finanza e dell’economia, Indicatori fungono da strumenti vitali che forniscono informazioni sulla performance, sulla salute e sulla direzione futura delle economie e dei mercati finanziari. Questi indicatori, che vanno da economico a finanziario parametri, aiutare le parti interessate, dai politici agli investitori, a prendere decisioni informate. Gli indicatori economici, ad esempio, possono rivelare la salute generale di un’economia, mentre gli indicatori finanziari potrebbero concentrarsi più strettamente sulle tendenze del mercato o sulle prestazioni aziendali.

Indicatori di ritardo sono una specifica categoria di indicatori che si distinguono per la loro caratteristica di confermare piuttosto che prevedere i trend. A differenza delle loro controparti predittive, gli indicatori ritardati offrono una visione retrospettiva, rendendoli preziosi per confermare modelli e tendenze già in movimento. Vengono generalmente osservati in seguito a cambiamenti economici significativi e fungono da strumento di conferma per analisti e decisori.

Indicatori di ritardo

1.3. Perché sono importanti

L’importanza degli indicatori ritardati risiede nella loro capacità di fornire un quadro chiaro della salute economica e finanziaria dopo che si sono verificati i cambiamenti. Analizzando questi indicatori, i professionisti possono comprendere meglio l’efficacia delle decisioni e delle politiche passate, informando il futuro strategie e aggiustamenti. Questo approccio retrospettivo è fondamentale per un’analisi completa dei cicli economici e dei movimenti di mercato.

Sezione Focus
Cosa sono gli indicatori? Panoramica degli indicatori economici e finanziari
Inserisci gli indicatori di ritardo Introduzione agli indicatori ritardati e loro caratteristiche
Perché contano Il valore degli indicatori ritardati nell'analisi
La tua guida Obiettivo del post

2. Scoprire gli indicatori di ritardo

Indicatori di ritardo sono statistiche che seguono un evento economico. Cambiano dopo che l’economia nel suo complesso ha già iniziato a seguire una tendenza particolare. Questi indicatori sono preziosi per la loro capacità di fornire evidenza delle tendenze a lungo termine e dei risultati delle attività economiche. Ad esempio, il tasso di disoccupazione e La crescita del PIL sono indicatori ritardati per eccellenza. Il tasso di disoccupazione tende a diminuire dopo che l’economia ha già iniziato a riprendersi. Allo stesso modo, i dati sulla crescita del PIL vengono pubblicati al termine del trimestre, fornendo una visione retrospettiva della performance economica.

2.1. Cos'è il ritardo temporale

Il concetto di “intervallo temporale” è fondamentale per comprendere gli indicatori ritardati. Questo ritardo è il periodo che intercorre tra il verificarsi effettivo delle attività economiche e il momento in cui il loro impatto viene osservato negli indicatori. Ad esempio, i cambiamenti nel tasso di disoccupazione riflettono decisioni e cambiamenti nell’economia avvenuti mesi fa. Questo ritardo rende gli indicatori ritardati meno utili per prevedere le tendenze future ma preziosi per confermare e comprendere quelle passate.

È fondamentale distinguere indicatori di ritardo da altri tipi, come Indicatori principali e indicatori coincidenti. Gli indicatori anticipatori, come i rendimenti del mercato azionario e i nuovi permessi immobiliari, offrono previsioni sulla direzione in cui potrebbero andare l’economia o i mercati. Indicatori coincidenti, come le vendite al dettaglio e il reddito personale, cambiano all’incirca contemporaneamente all’economia o al ciclo economico, fornendo un’istantanea attuale. Comprendere queste differenze è fondamentale per utilizzare efficacemente ciascun tipo di indicatore nell’analisi economica e finanziaria.

Sottosezione Contenuti
Definizione Spiegazione degli indicatori ritardati con esempi come il tasso di disoccupazione e la crescita del PIL
Spiegazione del ritardo temporale Discussione sul ritardo tra l'attività economica e il suo riflesso negli indicatori ritardati
Non tutti gli indicatori sono uguali Differenziazione tra indicatori ritardati, anticipatori e coincidenti

3. Uno sguardo più attento ai principali indicatori di ritardo

3.1. Indicatori economici:

3.1.1. Tasso di disoccupazione:

  • Comprendere la metrica e il suo significato. Il tasso di disoccupazione misura la percentuale della forza lavoro che è disoccupata e cerca attivamente un impiego. È un indicatore critico della salute economica, che riflette la disponibilità di posti di lavoro e il livello di attività economica. Un tasso di disoccupazione in aumento è spesso associato a recessioni economiche, mentre un tasso in calo indica crescita economica e salute.
  • Come conferma la forza economica (in ritardo). Poiché il tasso di disoccupazione in genere diminuisce dopo che un’economia ha iniziato a riprendersi, serve come conferma della forza o della ripresa economica. I datori di lavoro potrebbero esitare ad assumere finché non avranno fiducia nella direzione dell’economia, rendendo il tasso di disoccupazione un indicatore ritardato della salute economica.

3.1.2. Crescita del prodotto interno lordo (PIL):

  • Definizione del PIL e sua importanza. Il PIL rappresenta il valore di mercato totale di tutti i beni e servizi finali prodotti all’interno di un paese in un periodo specifico. È una misura ampia della produzione nazionale complessiva e un indicatore chiave della salute economica.
  • Come fornisce informazioni storiche sulle prestazioni (in ritardo). I dati sulla crescita del PIL, riportati trimestralmente, riflettono l’attività economica passata. Un PIL in aumento indica crescita economica e prosperità, mentre un PIL in calo suggerisce una contrazione. Poiché queste cifre vengono compilate e riportate a posteriori, sono considerate indicatori ritardati, che confermano la direzione dell'economia dopo che si sono verificati i cambiamenti.

3.1.3. Indice dei prezzi al consumo (IPC):

  • spiegando inflazione e la sua misurazione tramite CPI. L’IPC misura la variazione media nel tempo dei prezzi pagati dai consumatori urbani per un paniere di beni e servizi di consumo. È uno degli indicatori di inflazione più attentamente monitorati, poiché riflette i cambiamenti nel costo della vita.
  • Come l'IPC conferma i cambiamenti passati nel potere d'acquisto (in ritardo). I dati sull’indice dei prezzi al consumo vengono pubblicati mensilmente ma riflettono le variazioni di prezzo già avvenute, rendendoli un indicatore ritardato delle tendenze inflazionistiche e del potere d’acquisto.

3.1.4. Vendite al dettaglio:

  • Monitoraggio della spesa dei consumatori e del suo impatto economico. Le vendite al dettaglio tengono traccia delle entrate totali nei negozi che vendono merce direttamente ai consumatori. È una misura diretta del comportamento di spesa dei consumatori e una componente significativa dell’attività economica.
  • Come le vendite al dettaglio confermano l'attività economica passata (in ritardo). Le variazioni nei dati sulle vendite al dettaglio seguono le alterazioni della fiducia e della spesa dei consumatori, che a loro volta dipendono dalle condizioni economiche più ampie. In quanto tali, le vendite al dettaglio sono considerate un indicatore ritardato, che conferma i modelli di comportamento dei consumatori dopo che si sono verificati.

3.2. Indicatori finanziari:

3.2.1. Performance del mercato azionario:

  • Collegare i movimenti del mercato azionario al sentiment degli investitori e alla redditività dell’azienda. La performance del mercato azionario spesso riflette le aspettative collettive degli investitori sugli utili futuri e sulla salute dell’economia. Tuttavia, le tendenze del mercato possono anche reagire a eventi passati e resoconti sugli utili, rendendoli un mix di elementi principali e ritardati.
  • Come le performance passate si riflettono nelle tendenze del mercato azionario (in ritardo). Sebbene il mercato azionario possa essere lungimirante, si adegua anche in base ai rapporti sugli utili effettivi e ai dati economici, che sono indicatori ritardati. Pertanto, le performance passate, una volta confermate, possono influenzare le attuali tendenze del mercato.

3.2.2. Guadagni aziendali:

  • Importanza della redditività per aziende e investitori. Gli utili aziendali, o utili netti, riflettono la redditività delle aziende e sono fondamentali per gli investitori che valutano la salute finanziaria e il potenziale di crescita di un'azienda.
  • Come gli utili aziendali confermano le performance aziendali passate (in ritardo). I rapporti sugli utili vengono pubblicati trimestralmente e riflettono le performance passate. Si tratta di indicatori ritardati che forniscono una visione retrospettiva della salute finanziaria e dell'efficienza operativa di un'azienda.

3.2.3. Tassi di interesse:

  • Comprendere il ruolo dei tassi di interesse nella politica monetaria e nelle condizioni economiche. I tassi di interesse, fissati dalle banche centrali, influenzano i costi di finanziamento e la spesa. Sono uno strumento primario per la politica monetaria, che influenza l’attività economica.
  • Come i tassi di interesse riflettono le decisioni politiche passate e lo stato economico (in ritardo). Gli aggiustamenti dei tassi di interesse sono risposte alle condizioni economiche e alle pressioni inflazionistiche che sono state osservate. Sono indicatori ritardati perché si basano su dati economici passati.

3.2.4. Livelli di debito:

  • Esaminare il debito insoluto e le sue implicazioni. I livelli di debito, sia pubblico che aziendale, indicano l’importo del prestito e sono significativi per valutare la stabilità finanziaria.
  • Come i livelli di debito confermano i prestiti e le spese passate (in ritardo). L’aumento o la diminuzione dei livelli di debito riflettono le politiche fiscali e le abitudini di spesa del passato. In quanto tali, sono indicatori ritardati, che forniscono informazioni sulle precedenti tendenze di indebitamento e spesa.

3.3. Indicatori aziendali:

3.3.1. Soddisfazione del cliente:

  • Importanza della customer experience e della sua misurazione. La soddisfazione del cliente misura il modo in cui i prodotti o i servizi forniti da un'azienda soddisfano o superano le aspettative del cliente. È un indicatore chiave delle prestazioni all'interno del business ed è fondamentale per mantenere la competitività.
  • Come la soddisfazione del cliente conferma le prestazioni passate (in ritardo). Sondaggi e meccanismi di feedback rilevano la soddisfazione del cliente dopo che si sono verificate le transazioni, rendendolo un indicatore ritardato della qualità del servizio e delle prestazioni del prodotto.

3.3.2. Turnover del personale:

  • Comprendere la stabilità della forza lavoro e il suo impatto. Il turnover dei dipendenti si riferisce al tasso con cui i dipendenti lasciano l’azienda e vengono sostituiti. Un turnover elevato può indicare insoddisfazione e potenziali problemi all’interno dell’organizzazione.
  • Come il turnover dei dipendenti conferma le pratiche gestionali passate (lagging). I tassi di turnover riflettono le decisioni gestionali passate e la cultura organizzativa, stabilendoli come indicatori ritardati della soddisfazione dei dipendenti e della salute dell’organizzazione.

3.3.3. Livelli di inventario:

  • Esplorare il collegamento tra inventario e vendite/produzione. I livelli di inventario sono una misura dei beni invenduti detenuti da un'azienda. Questi livelli possono indicare l’equilibrio tra domanda e offerta.
  • Come i livelli di inventario confermano l'efficienza della catena di fornitura passata (in ritardo). Gli adeguamenti ai livelli delle scorte vengono effettuati sulla base dei dati di vendita e delle previsioni di produzione, che sono intrinsecamente basate sulle prestazioni passate. Pertanto, i livelli delle scorte sono indicatori ritardati della domanda e dell’efficienza della catena di approvvigionamento.

3.3.4. Indici di redditività:

  • Presentazione dei parametri finanziari chiave per la salute dell’azienda. Indici di redditività, come l’utile netto margine, rendimento delle attività e rendimento del capitale proprio, forniscono informazioni sulla capacità di un'azienda di generare utili rispetto ai suoi ricavi, alle sue attività e al suo patrimonio netto.
  • Come gli indici di redditività confermano l'efficacia operativa passata (lagging). Questi rapporti sono calcolati sulla base di dati finanziari storici, rendendoli indicatori ritardati della salute finanziaria e dell'efficienza operativa di un'azienda.
Categoria Come conferma le performance passate
Economico Tasso di disoccupazione Conferma la forza o la debolezza economica
Crescita del PIL Fornisce approfondimenti sulla performance economica storica
Consumer Price Index (CPI) Conferma i cambiamenti passati nel potere d’acquisto
Vendite al dettaglio Riflette il comportamento passato dei consumatori
Finanziario Performance del mercato azionario Riflette gli aggiustamenti basati sugli utili passati e sui dati economici
Guadagni aziendali Confermare la performance aziendale passata
Tassi di interesse Riflettere le decisioni politiche passate e lo stato economico
Livelli di debito Indicare le tendenze precedenti di indebitamento e spesa
Affari Soddisfazione del cliente Conferma la qualità del servizio passata e le prestazioni del prodotto
Turnover del personale Indica le pratiche di gestione passate
Livelli di inventario Riflettere la domanda passata e l’efficienza della supply chain
Rapporti di redditività Confermare l'efficacia operativa passata

4. Come utilizzare correttamente gli indicatori di ritardo

Gli indicatori ritardati, con la loro capacità unica di confermare e convalidare le tendenze economiche e finanziarie a posteriori, hanno un valore significativo sia nell’analisi macroeconomica che nella strategia aziendale individuale. Comprendere come utilizzare efficacemente questi indicatori può migliorare i processi decisionali, la pianificazione strategica e la valutazione delle prestazioni.

Uno degli usi più efficaci degli indicatori ritardati è la conferma delle tendenze identificate dagli indicatori anticipatori. Integrando entrambi i tipi di dati, analisti e decisori possono ottenere una visione completa del panorama economico. Ad esempio, un indicatore anticipatore può suggerire un’imminente recessione, ma è la recessione riflessa in indicatori ritardati come il tasso di crescita del PIL e i dati sulla disoccupazione che confermano la tendenza. Questo duplice approccio consente una valutazione più sicura delle condizioni attuali e delle direzioni future.

4.2. Valutare i modelli passati:

Gli indicatori ritardati forniscono una lente chiara attraverso la quale è possibile valutare i risultati delle azioni e delle politiche passate. Per le aziende, l’analisi dei cambiamenti nella soddisfazione del cliente o dei cambiamenti negli indici di redditività può far luce sul successo delle precedenti decisioni gestionali o delle strategie di mercato. Per i politici, esaminare le tendenze dei tassi di disoccupazione o della crescita del PIL può aiutare a determinare l’impatto delle politiche fiscali e monetarie.

4.3. Identificazione delle aree di miglioramento:

La natura retrospettiva degli indicatori ritardati li rende strumenti preziosi per identificare le aree che necessitano di miglioramento. Esaminando dove i parametri di performance non hanno soddisfatto le aspettative, le organizzazioni e le economie possono individuare aree specifiche per aggiustamenti strategici. Che si tratti di migliorare l'efficienza operativa, come suggerito dagli indici di redditività, o di affrontare la soddisfazione della forza lavoro, indicata dai tassi di turnover dei dipendenti, gli indicatori ritardati guidano miglioramenti mirati.

4.4. Prendere decisioni future informate:

Sebbene gli indicatori ritardati non prevedano le tendenze future, le informazioni acquisite dalla loro analisi sono fondamentali per definire le strategie future. Comprendere i risultati delle azioni passate consente alle imprese e ai politici di prendere decisioni più informate per il futuro. Ad esempio, se l’analisi dell’IPC indica che le pressioni inflazionistiche erano state precedentemente sottovalutate, la futura politica monetaria può essere adeguata di conseguenza.

Usa caso Descrizione
Confermare e valutare le tendenze Integrazione del ritardo con indicatori anticipatori per un'analisi completa delle tendenze
Valutare le azioni passate Utilizzo di indicatori ritardati per valutare l’efficacia delle strategie precedenti
Identificazione delle aree di miglioramento Analizzare gli indicatori ritardati per individuare le aree che necessitano di aggiustamenti strategici
Prendere decisioni future informate Sfruttare le informazioni provenienti dagli indicatori ritardati per orientare le strategie future

5. Limitazioni da considerare

Sebbene gli indicatori ritardati siano indispensabili per confermare le tendenze e valutare le performance passate, è importante essere consapevoli dei loro limiti. Comprendere questi vincoli è fondamentale per un’analisi accurata e un processo decisionale efficace.

5.1. Bias del senno di poi:

Uno dei limiti principali degli indicatori ritardati è la loro natura intrinseca di fornire informazioni a posteriori, il che può portare a distorsioni del senno di poi. Questo pregiudizio può far sembrare gli eventi passati più prevedibili di quanto non fossero, potenzialmente distorcendo i futuri processi decisionali. Analisti e decisori devono essere cauti e non sopravvalutare la prevedibilità degli eventi economici e finanziari sulla base delle tendenze passate.

5.2. Fattori esterni:

Gli indicatori ritardati sono anche suscettibili all’impatto di fattori esterni, come shock economici improvvisi o cambiamenti politici inaspettati, che possono alterare le tendenze storiche e rendere i dati passati meno rilevanti per l’analisi futura. La natura dinamica delle economie e dei mercati fa sì che fare affidamento esclusivamente sugli indicatori ritardati, senza considerare il potenziale di cambiamenti improvvisi, può portare a conclusioni fuorvianti.

5.3. Accuratezza e interpretazione dei dati:

L’accuratezza degli indicatori ritardati dipende fortemente dalla qualità dei dati raccolti e dalle metodologie utilizzate nel loro calcolo. Errori nella raccolta o interpretazione dei dati possono portare a conclusioni errate. Inoltre, il contesto in cui questi indicatori vengono analizzati gioca un ruolo fondamentale nella loro rilevanza e affidabilità. L’errata interpretazione degli indicatori ritardati può portare a valutazioni errate della salute economica o delle prestazioni aziendali.

Limitazione Descrizione
Pregiudizio senno di poi La rischio di sopravvalutare la prevedibilità degli eventi sulla base dei dati passati
Fattori esterni L’impatto di eventi imprevisti o cambiamenti politici sulla rilevanza dell’indicatore
Accuratezza e interpretazione dei dati L’importanza di una raccolta accurata dei dati e di un’interpretazione attenta per ottenere informazioni affidabili

Sommario

Gli indicatori ritardati sono fondamentali per comprendere le tendenze economiche e finanziarie passate, offrendo approfondimenti che aiutano a valutare l’efficacia delle strategie e a informare le decisioni future. Sebbene forniscano dati storici preziosi, i loro limiti, compresi i pregiudizi del senno di poi e l’influenza di fattori esterni, richiedono un’attenta interpretazione. L’integrazione degli indicatori ritardati con altri tipi migliora l’analisi, consentendo alle parti interessate di affrontare le complessità degli ambienti economici e di mercato in modo più efficace. L’impegno continuo con questi strumenti è essenziale per fare scelte informate in un panorama finanziario dinamico.

📚 Più risorse

Nota bene: Le risorse fornite potrebbero non essere personalizzate per i principianti e potrebbero non essere appropriate per traders senza esperienza professionale.

Per acquisire una comprensione più approfondita degli indicatori ritardati, consiglio di esplorare le risorse complete disponibili su Investopedia.

❔ Domande frequenti

triangolo sm destro
Cosa sono gli indicatori ritardati nel trading?

Nel trading, gli indicatori ritardati sono strumenti e parametri che forniscono informazioni basate su dati storici, che riflettono le condizioni e le tendenze del mercato passate. A differenza degli indicatori anticipatori che mirano a prevedere i futuri movimenti del mercato, gli indicatori ritardati confermano le tendenze che si sono già verificate. Gli esempi includono le medie mobili e il MACD (Moving Average Convergence Divergence), che vengono utilizzati per identificare e confermare le tendenze esistenti nei movimenti dei prezzi, aiutando tradeprendono decisioni informate sulla base delle performance passate.

triangolo sm destro
Cosa sono gli indicatori ritardati in economia?

In economia, gli indicatori ritardati sono statistiche che cambiano dopo che l’economia ha già iniziato a seguire una tendenza particolare. Sono utilizzati per confermare e valutare la salute e la direzione di un’economia fornendo prove delle tendenze a lungo termine. Esempi chiave di indicatori di ritardo economico includono il tasso di disoccupazione, la crescita del PIL e gli utili aziendali. Questi indicatori aiutano analisti, politici ed economisti a valutare l’efficacia delle politiche economiche e a comprendere lo stato dei cicli economici dopo che si sono verificati i cambiamenti.

triangolo sm destro
Quando vengono utilizzati gli indicatori ritardati?

Gli indicatori ritardati vengono utilizzati per confermare l’esistenza di una tendenza attuale, valutare i risultati di azioni o politiche passate e valutare l’efficacia delle precedenti decisioni strategiche. Sia nel commercio che nell’economia, sono particolarmente utili per fornire un quadro chiaro della performance storica, aiutando le parti interessate a prendere decisioni informate comprendendo ciò che è già accaduto piuttosto che prevedere eventi futuri.

triangolo sm destro
Quali sono gli esempi di indicatori anticipatori e ritardati?

Indicatori principali: Si tratta di parametri lungimiranti che mirano a prevedere le future attività economiche o i movimenti di mercato prima che si verifichino. Gli esempi includono l’indice della fiducia dei consumatori, i rendimenti del mercato azionario e i nuovi permessi immobiliari. Questi indicatori possono segnalare la direzione in cui sta andando un’economia o un mercato.

Indicatori di ritardo: Come discusso, questi indicatori confermano le tendenze dopo che si sono verificate. In economia, gli esempi includono il tasso di disoccupazione, la crescita del PIL e l’indice dei prezzi al consumo (IPC). Nel trading, gli esempi includono le medie mobili e il MACD.

 

triangolo sm destro
Quali indicatori non sono in ritardo?

Gli indicatori che non sono ritardati sono generalmente classificati come indicatori anticipatori, che prevedono attività e tendenze future, o indicatori coincidenti, che cambiano contemporaneamente all’economia o al mercato e forniscono un’istantanea delle condizioni attuali. Gli indicatori anticipatori, come l’indice dei responsabili degli acquisti (PMI) e i permessi di costruzione, mirano a prevedere l’attività economica futura, mentre indicatori coincidenti come le vendite al dettaglio e il reddito personale riflettono lo stato attuale dell’economia.

Autore: Arsam Javed
Arsam, un esperto di trading con oltre quattro anni di esperienza, è noto per i suoi approfonditi aggiornamenti sui mercati finanziari. Combina la sua esperienza nel trading con capacità di programmazione per sviluppare i propri Expert Advisor, automatizzando e migliorando le sue strategie.
Leggi di più su Arsam Javed
Arsam-Javed

Lascia un commento

Top 3 Brokers

Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2024

markets.com-logo-nuovo

Markets.com

4.6 su 5 stelle (9 voti)
81.3% della vendita al dettaglio CFD i conti perdono denaro

Vantage

4.6 su 5 stelle (10 voti)
80% della vendita al dettaglio CFD i conti perdono denaro
mitrade recensioni

Mitrade

4.5 su 5 stelle (33 voti)
70% della vendita al dettaglio CFD i conti perdono denaro

Ti potrebbe piacere anche

⭐ Cosa ne pensi di questo articolo?

Hai trovato utile questo post? Commenta o valuta se hai qualcosa da dire su questo articolo.

Ottieni segnali di trading gratuiti
Non perdere mai più un'opportunità

Ottieni segnali di trading gratuiti

I nostri preferiti in uno sguardo

Abbiamo selezionato la parte superiore brokersì, di cui ti puoi fidare.
InvestireXTB
4.4 su 5 stelle (11 voti)
Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro durante il trading CFDs con questo fornitore.
TradeExness
4.5 su 5 stelle (19 voti)
BitcoinCryptoAvaTrade
4.4 su 5 stelle (10 voti)
Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro durante il trading CFDs con questo fornitore.

Filtri

Per impostazione predefinita, ordiniamo in base alla valutazione più alta. Se vuoi vedere altro brokerPuoi selezionarli nel menu a discesa o restringere la ricerca con più filtri.
- cursore
0 - 100
Cosa cerchi?
Brokers
Regolamento
Piattaforma
Deposito / Prelievo
Tipo di account
Posizione dell'ufficio
Broker Caratteristiche